12 Agosto 2020

ARTinWOOD 2019

LA NATURA INCONTRA L´ARTE FRA CASTAGNI E BETULLE

Venerdì 13. sabato 14 e domenica 15 settembre 2019 ha avuto luogo l'8° edizione di ARTinWOOD, un laboratorio creativo per la realizzazione di opere d´arte con materiali naturali avrà luogo nei Boschi di San Giacomo (Zocca, MO).
L´iniziativa ha come oggetto il rapporto fra l´uomo, la natura, il contesto di vita ed è finalizzato alla valorizzazione dell´ambiente. Artisti da tutto il mondo, lasciano una loro "impronta" nei nostri boschi.
Gino Lunz

“Il Monaco pellegrino”

“La vita è cammino, ricerca, conoscenza nel mondo e nella Natura.”

Sergio Vettori

“Folletto”

“La vita è anche fantasia, sogno, allegria...con un pizzico di follia.”

Bernardi Lino

“Forme naturali”

“Solo la natura cerca forme perfette…noi possiamo solo tentare di imitarle”

I Ragazzi della Classe 2° A media Istituto Comprensivo “Martiri della Libertà” di Zocca

“..e 13”

“Una selva indistinta di colori impedisce la visione di ciò che è sullo sfondo, il vero significato. Solo chi possiede le doti naturali la può attraversare e coglierne l’essenza.”


I Ragazzi della Classe 2° B media Istituto Comprensivo “Martiri della Libertà” di Zocca

“ Natura Homini Lupus”

“ Ecco la porta verso l’ignoto; le viscere della terra aspettano chi ha esaurito le speranze offrendo riparo ed obliandone la memoria al mondo.”


Benedetta Lambertini, Blanca Castro Xiques, Chiara Innocenti Sedili, Francesco Lutti, Ludovica Dalla, Noemi Muzzati, Ylenia Joiner e Valeria Trillo
4° E IsArt Liceo Artistico Arcangeli di Bologna

“Bosco di luce”

“Dalla quiete profonda il bosco si accende.”

Buccelli Gaetano

“L’Organo di Pan”

“Due strumenti musicali: l’organo e il flauto di Pan; il primo sacro per definizione, il secondo più povero e tipico di tanti popoli, uniti per una ragione simbolica: la sacralità del BOSCO.

Pan, la divinità “diversa”, rinnegata per il suo aspetto - metà uomo e metà capro - che ama i boschi e le sorgenti, con il suo flauto allieta le creature del bosco e del mondo, ma il suo grido, terribile, è il “panico” che ognuno di noi dovrebbe avere se continuiamo a distruggere il Pianeta.”



Roberto, Piero, Matteo e Elisabeth
3° E IsArt Liceo Artistico Arcangeli di Bologna

“Una boccata d’aria”

“L’opera ha la funzione di offrire ai visitatori un luogo dove contemplare l’armonia della Natura che si unisce all’opera. Inoltre vuole far riflettere il visitatore sull’inquinamento fisico e ambientale del fumo.”


siti web www.sitovistoso.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio