20 Agosto 2019


MUSEO DEL CASTAGNO E DEL BORLENGO

Ass. LA SLUCADORA
percorso: Home > I MUSEI

Il Castagno

Il castagno europeo (Castanea sativa), comunemente chiamato castagno, è un albero presente in tutta Europa. Questa pianta è una delle più importanti essenze forestali dell´Europa meridionale, in quanto ha riscosso, fin dall´antichità, l´interesse dell´uomo per i suoi tanti utilizzi.
Oltre ad essere molto apprezzato sotto il punto di vista ecologico, il castagno è stato largamente coltivato, per la produzione di legname e del frutto. Quest´ultimo, in passato, ha rappresentato un´importante risorsa alimentare per le popolazioni rurali degli ambienti forestali montani e d´alta collina, in quanto erano utilizzate soprattutto per la produzione di farina di castagne.

Oggi il castagno viene coltivato soprattutto per la produzione "cultivar" che è una particolare varietà molto apprezzata sia per il suo frutto che per la qualità del legno.
Nella zona di produzione dell´Appennino Settentrionale, il castagno ha alle spalle una storia che risale all´epoca di Matilde di Canossa. Proprio per volere della Contessa, la coltivazione del castagno, ricevette una svolta.
Furono infatti emanate una serie di direttive pratiche che regolavano il metodo di coltivazione, mantenimento e vendita di tutto l´apparato del castagno. In particolare furono stabilite una serie di distanze da mantenere tra i singoli alberi in modo tale da consentire una migliore crescita dello stesso.

Le più importanti malattie da funghi che colpiscono il castagno sono il cancro corticale del castagno e il mal dell´inchiostro. Negli ultimi anni la Vespa Cinese poi, ha arrecato seri danni alle piante di castagno causando una diminuzione sensibile della produzione.

siti web www.sitovistoso.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa Privacy
Testo dell´informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa Privacy  obbligatorio